La Scala in Duomo, per tutti

Metti una sera alla Scala. Gratis. E pure all’aria aperta!
Il 26 maggio tutti in Piazza Duomo per il concerto gratuito della Filarmonica della Scala. Si comincia alle 21.00.

image

Due le star planetarie sul palco: Esa-Pekken Salonen dirigerà il celebre pianista Lang Lang nel secondo concerto di Rachmaninov e nella Sagra della Primavera di Stravinskij.

E se arrivassimo un po’ tardi? Niente paura, nella piazza saranno allestiti impianti di amplificazione e un megaschermo: ci sarà musica per tutti!

Classical music in Piazza Duomo (MM1 MM3 Duomo) on May 26: from 9.00 pm the Filarmonica della Scala will play Rachmaninov and Stravinskij for all of us. For free.
Don’t miss it!

Annunci

Pranzo good&glam per tutti

Di AlexanderPozzo, foodblogger.

Pranzo a Milano? Passate per il bar/paninoteca Sara Santa Sofia in via Santa Sofia, 6 tra la sede della Statale, la metro gialla Missori e l’Ospedale Maggiore. Aperto 7 giorni alla settimana, anche quando è al massimo della capienza riesce in poco tempo a soddisfare le esigenze dei clienti. Caratteristica la parete interamente rivestita di dischi in vinile: i panini hanno ereditato i nomi di celebri band. Il costo di un sandwich è tra i 4,50 e i 5,00€ (vengono proposti anche primi, secondi ed insalatone). Per gli studenti è previsto uno sconto del 10% su tutto.

Se invece siete in via Manzoni, potete fermarvi per un cornetto salato ripieno di salmone, all’Armani caffè, all’incrocio con via Montenapoleone: propone anche piatti presentati in maniera invitante.

20140210-111538.jpg
Nel cuore di Milano, a due passi dal Duomo, è aperta La Cupola (il ristorante dell’Hotel Park Hyatt Milan, un 5 stelle). L’indirizzo è via Tommaso Grossi, 1. Si può pranzare spendendo 30,00€ (prezzo fisso). La cifra include: antipasto e dolci a buffet e un primo piatto ogni giorno diverso. Acqua e caffè sono inclusi.

Se amate il cibo vegetariano, passate da Joia (1 stella Michelin). La vetrina è in via Panfilo Castaldi 18, a metà strada tra le fermate della metro rossa di Porta Venezia e quella gialla di Repubblica. Lo chef è considerato uno dei migliori d’Europa. A pranzo propone per 20,00€ il Piatto Quadro (la proposta del giorno con un assaggio di 5 prelibatezze). Acqua e caffè inclusi.

Se ci spostiamo verso piazza Cadorna , dove c’è la stazione delle Ferrovie Nord e l’incrocio delle linee metropolitane verde e rossa, troviamo il Summertime (via Petrarca, 4). A pranzo offrono 3 menù: di pesce, di carne e vegetariano a 11,00€: comprende un piatto unico (primo e secondo) più acqua e torta della casa (è quasi sempre la torta di mele).

Per ultimo ho voluto lasciare il ristorante Trussardi alla Scala (2 stelle Michelin). È aperto tra il Teatro Filodrammatici e la Scala. A pranzo propone a 50,00€ due portate a scelta dalla selezione del giorno con acqua e caffè compresi; oppure, a 65 euro, tre portate a scelta dalla selezione giornaliera con acqua e caffè inclusi.

Spero che dopo una prova condividiate i miei suggerimenti.

Esperto gourmet milanese e appassionato frequentatore dei migliori ristoranti della città, AlexanderPozzo è anche collaboratore assiduo del sito ilmangione.it.
Impeccabile chef per tutti gli amici, condivide le ricette più gustose nel suo blog I banchetti non si misurano dalla qualità dei cibi, ma dagli amici. E sarà con noi per qualche settimana per farci scoprire la parte più… saporita di questa meravigliosa città. Senza farci salassare!

Qui i suoi consigli per un’ottima colazione in cittá

.

Lunchtime in Milan?
You can try gorgeous 4,50-5,00€ sandwichis at Bar Sara Santa Sofia, via Santa Sofia 6. We raccomend you also the salmon sandwich at the luxurious Armani caffè in via Manzoni.
Are you looking for a complete meal? You’ll find appetizer, first course and dessert for 30€ at La Cupola (close to the Dome) or three different 11€ menues by Summertime in Cadorna. Go veggie for 20€ asking for “Piatto Quadro” by Joia (1 Michelin Star). Last, but not least, you can have a 50€ lunch by Trussardi alla Scala (close to Teatro alla Scala).
Buon appetito!

Un’ottima colazione a Milano… per tutti

Di AlexanderPozzo, foodblogger.

A Milano ci sono quattro posti in centro dove fare la prima colazione. I costi da seduti possono anche triplicare, ma al banco hanno prezzi contenuti: cappuccino e cornetto non superano i 3,50€.

Se vi trovate in piazza della Scala provate il Marchesino (il bar/ristorante adiacente all’ingresso del museo del prestigioso teatro lirico): il titolare è Gualtiero Marchesi, il primo chef italiano ad avere le tre stelle Michelin. Cappuccino ottimo (trovate la variante anche con il latte di soia) e i cornetti superlativi con la crema pasticciera o la marmellata di lamponi (sono ricchissime di ripieno)… e altre prelibatezze.

20140203-164400.jpg
Peck in via Spadari e/o l’Italian Bar in via Victor Hugo (stesso proprietario) è considerato il tempio della gastronomia milanese. Hanno una vasta varietà di brioches: alla mandorla, il cremoso di caffè, pera e cioccolato o nocciole. La miscela del caffè è di loro produzione ed è di qualità superba.

Affianco a Peck Italian Bar c’è il bar/pasticceria Passerini, aperto sette giorni alla settimana: il caffè é buono e i cornetti non sfigurano rispetto agli altri.

Vicino alla biblioteca Sormani c’è uno storico bar/pasticceria (fondato nel 1909) Taveggia, tornato al massimo della qualità dopo una parentesi “buia” di proprietari extra-europei. Da Oscar la preparazione del marocchino (un caffè macchiato con sul fondo un dito di cioccolata calda) costo 1,50€. Ma il cavallo di battaglia è il budino di riso (2,00€) che io giudico il più buono di Milano.

A tutti buon appetito!

Esperto gourmet milanese e appassionato frequentatore dei migliori ristoranti della città, AlexanderPozzo è anche collaboratore assiduo del sito ilmangione.it.
Impeccabile chef per tutti gli amici, condivide le ricette più gustose nel suo blog I banchetti non si misurano dalla qualità dei cibi, ma dagli amici. E sarà con noi per qualche settimana per farci scoprire la parte più… saporita di questa meravigliosa città. Senza farci salassare!

High quality italian breakfast and low prices?
First, bear in mind never to seat at the table. Drink your coffee or capuccino and eat your croissant standing at the bar, the milanese way: sitting down may cost you three times the price.
Second, theese are the right (and historical) places to go if you’re downtown: Il Marchesino (close to Teatro alla Scala), Peck Italian Bar, Passerini and Taveggia (taste here the superlative pudding rice – budino di riso, you won’t regret).
Bon appetite!
Thanks to AlexanderPozzo.

Addio Abbado, oggi il saluto della Scala

Teatro vuoto, porte aperte e una triste e grandiosa melodia che si libera in tutta la piazza.
Così il Teatro alla Scala darà il suo addio al grande maestro Claudio Abbado, suo direttore per 18 anni, dal ’68 all’87.

L’appuntamento è per oggi, 27 gennaio alle ore 18.00. La Filarmonica diretta da Daniel Barenboim eseguirà la Marcia funebre dalla terza sinfonia “Eroica” di Ludvig van Beethoven, e la musica fluirà in una piazza della Scala chiusa al traffico per l’occasione.

Prima di Abbado, ad altri eccellenti Direttori Musicali della Scala è stato dedicato questo rito commovente: da Arturo Toscanini a Victor de Sabata, a Gianandrea Gavezzeni.

Un peccato non esserci.

PS. Se proprio non si riesce a venire, almeno non perdiamoci la diretta su Rai 5.

20140127-104814.jpg

Amore a Milano val bene una coda

Sentire erba soffice sotto i piedi, esplorare un giardino segreto, scoprire profumi inaspettati: tutto questo é anche la mostra Amore e Psiche in corso a palazzo Marino.

20130102-180033.jpg
Il percorso infatti non é una semplice mostra, bensí un’esplorazione dei sensi attraverso il mito tramandato da Apuleio e reinterpretato da due grandi geni dell’arte nelle opere esposte, “Psyché et l’Amour” di Gérard (1770-1837) e “Amore e Psiche stanti” di Canova (1757-1822).

20130102-180143.jpg
Dopo la lunga, immancabile coda in piazza della Scala, si é catapultati come per magia in un giardino neoclassico, in cui splendide radure proteggono i due giovani amanti cosí come sono stati rappresentati dagli artisti.

20130102-181009.jpg
Personale giovane ed esperto ci conduce attraverso le siepi profumate e i rami di luce e ombra che si stagliano fin sul soffitto dell’imponente sala Alessi. I ragazzi spiegano il mito, raccontano i delicati dettagli di ogni singola pennellata e ogni drappeggio scolpito, senza annoiare. Se siete fortunati (o sfortunati, dipende dai punti di vista), troverete una biondina appassionata che vi legherá ai suoi racconti per delle mezz’ore, con buona pace di quanti ancora aspettano in coda il loro turno e dei suoi colleghi che attendono di poter lavorare. Un po’ meno romantico il signore dall’aspetto inquietante che si aggira tra le siepi a spruzzare i profumi creati appositamente per la mostra, ma il risultato finale é quello che conta.

20130102-180715.jpg
Non spetta a me raccontarvi del mito, e giá conoscete l’importanza delle opere presenti, strappate al Louvre e messe a disposizione di tutti gratuitamente dal comune di Milano. Ora tocca a voi correre a sentire in prima persona l’arte che parla di Cuore e Anima, di figli disobbedienti e donne testarde, di un amore conquistato che porta all’immortalitá.

La mostra é a cura di Valeria Merlini e Daniela Storti.
Ingresso libero
Tutti i giorni: 9.30-20.00 (ultimo ingresso 19.30)
Giovedí: 9.30-22.30 (ultimo ingresso 22.00)
Fino al 13 gennaio 2013.
Info: amoreepsicheamilano.it, comune.milano.it, cultura.eni.com
Location: sala Alessi c/o palazzo Marino, piazza della Scala 2 (MM1, MM3 Duomo).