Fai 2014, la Milano da scoprire

Primavera, Milano sboccia e svela i suoi tesori. Il 22 e 23 marzo 2014 sará possibile visitare gratuitamente alcuni dei luoghi piú belli della cittá normalmente chiusi al pubblico.

Merito del Fai che ha organizzato anche quest’anno le Giornate di Primavera, con tanto di app per essere sempre aggiornati.

Tra le numerosissime possibilitá, da non perdere la novitá di questa edizione, l’Albergo Diurno Venezia di piazza Oberdan (MM1 Pta Venezia). Si tratta di una struttura sotterranea di circa 1.200 metri quadri per un’altezza di tre metri e trenta e realizzata nel 1926 per fornire vari servizi a cittadini e viaggiatori – dai bagni pubblici al barbiere, dalla manicure al deposito bagagli. Abbandonata a se stessa per qualche decina di anni, finalmente ci si é decisi a recuperarla e ora é pronta a mostrarsi in tutto il suo splendore Liberty.

20140318-155516.jpg
E Milano cuore finanziario e politico d’Italia? Il 22 e il 23 marzo potremo entrare nel famigerato Palazzo della Borsa in piazza Affari (solo sabato), sbirciare negli Studi Rai di corso Sempione e accedere al nuovissimo Palazzo della Regione, da cui godere di una vista stupefacente dall’alto della cittá.

Per chi ama la storia, invece, imperdibili sono le aperture dell’antica Abbazia di Chiaravalle e di Villa Necchi.

Insomma, ce n’é per tutti i gusti.

Qui il programma completo dei luoghi aperti per noi. Leggiamolo attentamente e scegliamo cosa ci piace di piú: gli orari di accesso al pubblico sono piuttosto limitati, dalle 10.00 alle 17.00, e un intero weekend potrebbe non bastare!

Do you want to see some of the most beautiful places in Milan for free? Take your chance on the 22nd and the 23rd of March, a special week end organised by Fai, the Italian National Trust. Check the list to find out your favourite site.

Annunci

Mfw 2014: beauty, elegance and more

Finalmente un’edizione – quasi – baciata dal sole! E Milano si anima di persone straordinarie, elegantemente vestite che si aggirano per strada a qualsiasi ora del giorno e della notte.

Con la Milano Fashion Week si torna a sognare e anche ai comuni mortali é permesso, almeno fino al 24 febbraio, sentirsi dei veri VIP.

Un po’ meno, a dire la veritá, rispetto agli anni scorsi, dove si usciva di casa e, tra San Babila e Cordusio, ci si rifaceva trucco, parrucco e pure le unghie.
Ora é rimasta solo Testanera che nel suo Styling Cube in piazza Mercanti, risistema la zazzera, con mooolta calma e gratis,a chiunque lo voglia. Mi raccomando, capelli pulitissimi (si fa solo styling, non anche lavaggio), tanta pazienza e… fatevi dare il vostro numero, così saprete quando é il vostro turno!

20140221-171543.jpg
A questo punto, belle come non mai – gli hairstylist sono davvero eccezionali – andiamo a cercare i promoter di Tu Style che si aggirano tra corso Vittorio Emanuele e Cordusio, per farci scattare una foto che finirá su una copertina virtuale della rivista. Parteciperemo cosí al concorso Tu Stile FashionWall, riceveremo in omaggio una copia della rivista e potremo condividere sui social la nostra foto da VIP.

I veri fashion addicted, giá sanno che alla MFW 2014 ci saranno 64 sfilate, a cui si sommano 72 presentazioni ed eventi collaterali per un totale di 143 collezioni. Il fulcro dei festeggiamenti é il Fashion Hub di palazzo Giureconsulti, il palazzo Clerici e il Palazzo della Regione.

Potremmo correre da una parte all’altra della cittá, con il rischio di non poter accedere a tutti gli eventi (anche se, spacciandoci per fashionblogger, dopo molta, molta insistenza spesso si riesce a entrare). Oppure osservare le sfilate dai maxischermi in via Mercanti, piazza Cordusio, via Croce Rossa, piazza San Babila e corso Como.

Piú comodo ancora seguire la diretta streaming delle sfilate comodamente da casa: basta andare sul sito della Camera della Moda.

La soluzione piú smart? É anche la novitá di quest’anno! Scaricare la app di Vogue Italia per essere aggiornati su tutto quello che succede alla MFW e selezionare gli eventi che piú ci interessano.
Cosí ci possiamo andare di persona: in questa cittá, le social relations sono tutto!

20140221-172635.jpg