Radio Italia: il Live 2014 in Duomo!

Prima classica, ora pop: Piazza Duomo é ancora protagonista! Il primo giugno torna il concertone gratuito di Radio Italia.

20140528-122153-44513126.jpg
Si comincia alle 19.00 con un po’ di musica hip hop – la novitá di quest’anno. Dalle 20.00 si esibiranno sullo stage i 15 big della canzone italiana: da Giorgia a Dj Ax, da Laura Pausini a Biagio Antonacci a Emma, dai Negramaro a Alex Britti, questi mostri sacri accompagnati dall’orchestra del Festival di Sanremo, si susseguiranno sul palco fino all’una di notte presentati dal duo comico Luca & Paolo.

Ecco tutti gli appuntamenti: venerdí e sabato pomeriggio le prove, poi la diretta su Radio Italia Tv (canale 70 del digitale terrestre e 725 della piattaforma Sky), Radio Italia e in streaming su www. radioitalia.it. L’8 giugno la replica su Italia 1.

Insomma, anche volendo, questo concerto non ce lo possiamo proprio perdere!

Great italian live music for free in Piazza Duomo (MM1-MM3 Duomo).
On the 1st of June starting from 7 pm don’t miss ‘Radio Italia Live – the concert‘. Laura Pausini, Biagio Antonacci and many others are singing for all of us – and we can sing with them!

OneBillion Rising: Milano per le donne

One billion rising, il flash mob di un miliardo di persone per dire basta a violenza e ingiustizia verso le donne. L’appuntamento per tutti è venerdì 14 febbraio 2014, in tutto il mondo.

A Milano l’evento si svolgerà in Piazza Duomo, alle 17.45. Per partecipare, vestiamoci con un capo rosso e uno nero, i colori ufficiali della manifestazione, e impariamo la semplice coreografia basata sull’inno ufficiale Break the Chain (qui il testo e la traduzione). Possiamo anche iscriverci ufficialmente alla manifestazione, ma non è così importante: fondamentale è esserci.

20140212-112410.jpg
Il ballo vero e proprio sarà preceduto dalla lettura di alcuni testi di Eva Ensler, autrice de I monologhi della Vagina e ideatrice della campagna One Billion Rising.

Finito il flash mob, verso le 18.30, ci si sposta in piazza San Fedele per l’evento Le parole non bastano più: la violenza domestica non è un fatto privato.

Forse una danza non potrà cambiare il mondo, ma la forza di un miliardo di persone che balla, farà tremare il pianeta.

Un San Valentino differente, per fare la differenza.