MRW14: il ristorante top é anche good

Se pensiamo che ristoranti di lusso e benificienza c’entrino come i Cavoli a Merenda, ci siamo bagliati: a Milano i piú golosi trovano la loro Isola del Tesoro e, a un prezzo accettabile, si fa pure del bene.
É l’Uovo di Colombo, la Milano Restaurant Week che torna in tutta la sua bontá, dal 20 al 30 novembre 2014.

IMG_1456.JPG
Trenta top restaurants meneghini hanno aderito al progetto di Sapore dell’Anno e offrono un menú completo a soli 25 euro, per donare 1 euro a Progetto Arca.

Antipasto o primo piatto, secondo con contorno, dessert e coperto nel nostro ristorante preferito che possiamo prenotare comodamente online.
Per una cena glam&good, in tutti i sensi.

Charity and top quality restaurants together for the Milano Restaurant Week from November 20 to 30.
A complete menu for only 25 € to donate 1€ to Progetto Arca. Choose your favourite restaurant, book it online and… enjoy for good!

TeatriAmo@Milano: lo spettacolo é per tutti

Di Giulia&Claudia, theater bloggers.

Milano offre un’ampia scelta di teatri per tutti i gusti e per tutte le tasche. Si va dalla sperimentazione dell’Out-Off e del CRT alla prosa classica del Carcano, passando per il travolgente caos del Leonardo senza tralasciare però il meglio offerto da Parenti, Elfo e Piccolo.

Certo, c’è solo l’imbarazzo della scelta ma purtroppo occorre fare i conti con il portafoglio con l’eco!
Ecco quindi alcuni consigli pratici e veloci per non rinunciare al meglio della scena meneghina senza sbollettarsi.

Il primo metodo, ormai rodato da anni, è acquistare a inizio stagione (settembre/ottobre) il carnet Invito a Teatro: con 78€ potrete scegliere 8 spettacoli tra quelli selezionati dai vari teatri e in più avrete il 30% di sconto su tutti gli altri inclusi nella selezione.

20140327-231852.jpg
Un altro modo efficace è isciversi alle mailing list/newsletter: il Leonardo, il Libero, il Fontana e molti altri inviano settimanalmente mail con le promozioni in corso, le offerte last minute o i codici promozionali per l’acquisto on-line.
Il Parenti inoltre ha sviluppato una App (per IOS e Android) che dà diritto all’acquisto a prezzi ridotti rispetto ai 25/30 € del biglietto intero.
Un altro dei teatri più cari di Milano è il Piccolo che offre però la possibilità di acquistare biglietti a partire da 12€: sempre meglio muoversi con largo anticipo per avere posti decenti (evitare la seconda fila in galleria!!!!).

Se invece avete un po’ di tempo da dedicarci, potete provare ad accaparrarvi i biglietti gratuiti che ogni tanto Vivimilano mette a disposizione, oppure quelli del comune di Milano.

Ultima chicca…. il martedì sera biglietto unico a prezzi scontati all’Elfo (20€) e al Leonardo (10€).

Se volte restare aggiornati e avere altri utili consigli ecco il link del nostro sito/blog/esperimento culturale 🙂 dove troverete, oltre alle nostre recensioni degli spettacoli da non perdere, le schede dei teatri con maggiori informazioni su convenzioni e metodi per risparmiare e anche alcune dritte per nutrire il corpo prima della mente!

Il teatro è la loro passione. E la loro ossessione!
Claudia&Giulia, amiche di platea e nella vita, sono decisamente le persone giuste a cui chiedere un consiglio per una serata tra sipari e poltroncine.
Il loro brillantissimo, neonato blog, TeatriAmo@Milano, è a disposizione di tutti noi per riscoprire un’antica arte che incanta e affascina ancora oggi.
Ma, ora, ricordatevi di spegnere i cellulari: lo spettacolo sta per cominciare.

Theater lovers?
To save money, nothing is like Invito a Teatro, an 8-play-ticket for 78€: you can choose among a great variety of plays and theaters, you won’t regret it.
Otherwise, you can join the mailing list/newsletter of the theater you love to get discounts and special offers. If you are patient enough, free tickets are available on Vivimilano and in via Dogana (more info here).
Last but not least, don’t forget the special tuesday night prices at Elfo and Leonardo!
Special thanks to Giulia&Claudia and their blog TeatriAmo@Milano for the advice!

Be smart, be City Guru

Sommersi da coupon a rischio scadenza e obbligati a prenotare con mesi di anticipo?
God save Groupon, Groupalia & Co: senza di loro Milano sarebbe meno vivibile. Ma non sempre sono il massimo.

Da qualche mese una novità sta sconquassando il tranquillo mondo dei siti di sconti, con il rischio, in futuro, di soppiantarli del tutto: si tratta di City Guru, una card metallica, dorata e personalizzata che ci permette di avere sconti fino al 50% negli esercizi che hanno aderito al circuito. Per il momento è attiva nelle categorie food e beauty, ma in futuro si pensa a collaborazioni anche con cinema, teatri e negozi di altro tipo.

20140225-120353.jpg
La differenza con i nostri soliti e fedelissimi coupon è, innanzitutto, che non si deve prenotare, nè si deve dire in anticipo che siamo possessori della tessera sconto. La tireremo fuori solo al momento del pagamento e così eviteremo di essere trattati da clienti di serie B, come purtroppo qualche volta accade. Saremo anche liberi di scegliere cosa mangiare o di quali servizi beauty usufruire.

Lo sconto, poi, si applica a tutti gli amici che sono venuti con noi, alla spa o al ristorante, sul totale del conto. La card vale 12 mesi, è personale e può essere usata quante volte si vuole e più volte anche nello stesso locale.

Attenzione che uno stesso esercizio può offrire sconti diversi nei diversi giorni della settimana e sono in continuo aumento i negozi che aderiscono all’iniziativa. Per fortuna il sito è molto chiaro ed è difficile sbagliarsi. Leggiamoci comunque attentamente le FAQ per toglierci ogni dubbio.

Naturalmente le cose belle si pagano. City guru si vanta di non chiedere commissioni ai partner, quindi in qualche modo dovrà pur mantenersi. Infatti costa 79€, la si acquista solo online e arriva a casa nel giro di una settimana.

Vero è che la si ammortizza con un paio di cene. Per il momento, poi, è in vigore una promozione che ce la fa acquistare a prezzo ridotto: se utilizziamo il codice vogliocityguru2014 (da inserire nella voce “coupon”), l’avremo per soli 49€.

Se ci va, è un piccolo investimento per vivere alla grande la nostra bellissima, meravigliosa Milano.

San Valentino a Mi: spettacolare, low cost & last minute!

San Valentino a Milano? Non solo cene, cioccolatini e regalucci. O eventi destinati esclusivamente alle coppiette piú sdolcinate.

Tra cioccolato e calici di vino gratuiti, palloncini rossi e viaggi spettacolari tra le stelle, ce n’é per tutti i gusti.

In piazza Duomo, ad esempio, alle 14 un enorme cuoricione alto 30 metri e formato da 8500 palloncini sará liberato nel cielo, a rappresentare l’amore di ogni singolo cittadino per la cittá.
E per non farci mancare nulla, in questa occasione saranno distribuiti Baci Perugina a gogò per tutti.

20140213-133709.jpg
Romantici e desiderosi di passare alla storia? Alle 15.30 spostatevi in piazza Oberdan (MM1 Porta Venezia) per il Love Square Valentine’s day Flash Mob, un bacio in piazza lungo un minuto che sará immortalato nella foto piú romantica della cittá. Il tutto nell’ambito del progetto di street art di Angelo Cruciani con una installazione di cuori in tutta la piazza.

Dando per scontato che siamo liberi e dinamici, verso le 17.45 ritorniamo in Duomo per il flash mob internazionale a favore delle donne One Billion Rising di cui abbiamo giá parlato.

Flash mob e palloncini rossi non fanno per noi? Il 14 febbraio si può anche andare a pattinare sul ghiaccio sulla pista Ice Alive alla Fabbrica del Vapore (via Procaccini, 37).

Piú intellettuale il San Valentino al museo, con la mostra Van Gogh Alive, sempre alla Fabbrica del Vapore, che resterá aperta in via eccezionale fino alle 22.00. A tutti coloro che arriveranno dopo le 19.00 verrá pure offerto un calice di vino.

E per i romanticoni che non possono rinunciare alle stelle, tutti con il naso all’insú al planetario Ulrico Hoepli (MM1 Palestro). Due gli ingressi, alle 19.30 e alle 21.30, per scoprire l’amore eterno raccontato dalle costellazioni nel viaggio Grandi amori in cielo, Euridice, Andromeda e le altre. A solo 3€ a persona, l’amore non é mai stato tanto spettacolare ed economico.

Pranzo good&glam per tutti

Di AlexanderPozzo, foodblogger.

Pranzo a Milano? Passate per il bar/paninoteca Sara Santa Sofia in via Santa Sofia, 6 tra la sede della Statale, la metro gialla Missori e l’Ospedale Maggiore. Aperto 7 giorni alla settimana, anche quando è al massimo della capienza riesce in poco tempo a soddisfare le esigenze dei clienti. Caratteristica la parete interamente rivestita di dischi in vinile: i panini hanno ereditato i nomi di celebri band. Il costo di un sandwich è tra i 4,50 e i 5,00€ (vengono proposti anche primi, secondi ed insalatone). Per gli studenti è previsto uno sconto del 10% su tutto.

Se invece siete in via Manzoni, potete fermarvi per un cornetto salato ripieno di salmone, all’Armani caffè, all’incrocio con via Montenapoleone: propone anche piatti presentati in maniera invitante.

20140210-111538.jpg
Nel cuore di Milano, a due passi dal Duomo, è aperta La Cupola (il ristorante dell’Hotel Park Hyatt Milan, un 5 stelle). L’indirizzo è via Tommaso Grossi, 1. Si può pranzare spendendo 30,00€ (prezzo fisso). La cifra include: antipasto e dolci a buffet e un primo piatto ogni giorno diverso. Acqua e caffè sono inclusi.

Se amate il cibo vegetariano, passate da Joia (1 stella Michelin). La vetrina è in via Panfilo Castaldi 18, a metà strada tra le fermate della metro rossa di Porta Venezia e quella gialla di Repubblica. Lo chef è considerato uno dei migliori d’Europa. A pranzo propone per 20,00€ il Piatto Quadro (la proposta del giorno con un assaggio di 5 prelibatezze). Acqua e caffè inclusi.

Se ci spostiamo verso piazza Cadorna , dove c’è la stazione delle Ferrovie Nord e l’incrocio delle linee metropolitane verde e rossa, troviamo il Summertime (via Petrarca, 4). A pranzo offrono 3 menù: di pesce, di carne e vegetariano a 11,00€: comprende un piatto unico (primo e secondo) più acqua e torta della casa (è quasi sempre la torta di mele).

Per ultimo ho voluto lasciare il ristorante Trussardi alla Scala (2 stelle Michelin). È aperto tra il Teatro Filodrammatici e la Scala. A pranzo propone a 50,00€ due portate a scelta dalla selezione del giorno con acqua e caffè compresi; oppure, a 65 euro, tre portate a scelta dalla selezione giornaliera con acqua e caffè inclusi.

Spero che dopo una prova condividiate i miei suggerimenti.

Esperto gourmet milanese e appassionato frequentatore dei migliori ristoranti della città, AlexanderPozzo è anche collaboratore assiduo del sito ilmangione.it.
Impeccabile chef per tutti gli amici, condivide le ricette più gustose nel suo blog I banchetti non si misurano dalla qualità dei cibi, ma dagli amici. E sarà con noi per qualche settimana per farci scoprire la parte più… saporita di questa meravigliosa città. Senza farci salassare!

Qui i suoi consigli per un’ottima colazione in cittá

.

Lunchtime in Milan?
You can try gorgeous 4,50-5,00€ sandwichis at Bar Sara Santa Sofia, via Santa Sofia 6. We raccomend you also the salmon sandwich at the luxurious Armani caffè in via Manzoni.
Are you looking for a complete meal? You’ll find appetizer, first course and dessert for 30€ at La Cupola (close to the Dome) or three different 11€ menues by Summertime in Cadorna. Go veggie for 20€ asking for “Piatto Quadro” by Joia (1 Michelin Star). Last, but not least, you can have a 50€ lunch by Trussardi alla Scala (close to Teatro alla Scala).
Buon appetito!

Un’ottima colazione a Milano… per tutti

Di AlexanderPozzo, foodblogger.

A Milano ci sono quattro posti in centro dove fare la prima colazione. I costi da seduti possono anche triplicare, ma al banco hanno prezzi contenuti: cappuccino e cornetto non superano i 3,50€.

Se vi trovate in piazza della Scala provate il Marchesino (il bar/ristorante adiacente all’ingresso del museo del prestigioso teatro lirico): il titolare è Gualtiero Marchesi, il primo chef italiano ad avere le tre stelle Michelin. Cappuccino ottimo (trovate la variante anche con il latte di soia) e i cornetti superlativi con la crema pasticciera o la marmellata di lamponi (sono ricchissime di ripieno)… e altre prelibatezze.

20140203-164400.jpg
Peck in via Spadari e/o l’Italian Bar in via Victor Hugo (stesso proprietario) è considerato il tempio della gastronomia milanese. Hanno una vasta varietà di brioches: alla mandorla, il cremoso di caffè, pera e cioccolato o nocciole. La miscela del caffè è di loro produzione ed è di qualità superba.

Affianco a Peck Italian Bar c’è il bar/pasticceria Passerini, aperto sette giorni alla settimana: il caffè é buono e i cornetti non sfigurano rispetto agli altri.

Vicino alla biblioteca Sormani c’è uno storico bar/pasticceria (fondato nel 1909) Taveggia, tornato al massimo della qualità dopo una parentesi “buia” di proprietari extra-europei. Da Oscar la preparazione del marocchino (un caffè macchiato con sul fondo un dito di cioccolata calda) costo 1,50€. Ma il cavallo di battaglia è il budino di riso (2,00€) che io giudico il più buono di Milano.

A tutti buon appetito!

Esperto gourmet milanese e appassionato frequentatore dei migliori ristoranti della città, AlexanderPozzo è anche collaboratore assiduo del sito ilmangione.it.
Impeccabile chef per tutti gli amici, condivide le ricette più gustose nel suo blog I banchetti non si misurano dalla qualità dei cibi, ma dagli amici. E sarà con noi per qualche settimana per farci scoprire la parte più… saporita di questa meravigliosa città. Senza farci salassare!

High quality italian breakfast and low prices?
First, bear in mind never to seat at the table. Drink your coffee or capuccino and eat your croissant standing at the bar, the milanese way: sitting down may cost you three times the price.
Second, theese are the right (and historical) places to go if you’re downtown: Il Marchesino (close to Teatro alla Scala), Peck Italian Bar, Passerini and Taveggia (taste here the superlative pudding rice – budino di riso, you won’t regret).
Bon appetite!
Thanks to AlexanderPozzo.

Pollock e gli altri: altrimenti ci arrabbiamo

Non fateli arrabbiare!
Altrimenti ci creano un movimento tutto nuovo e mandano all’aria secoli di tradizione.

20140121-140526.jpg
Così, con una lettera aperta al direttore del Metropolitan Museum di New York e una celebre foto,15 artisti americani hanno dato origine all’action painting. A guidarli, nel 1951, il genio del dripping, Jackson Pollock che si è inventato questa straordinaria tecnica (far sgocciolare il colore direttamente su una tela stesa sul pavimento) per dare forma e corpo al suo inconscio più profondo.

20140121-140609.jpg
A Palazzo Reale una mostra lo celebra insieme a tutti gli artisti ribelli che hanno contribuito al movimento: Pollock e gli irascibili ci aspetta fino al 16 febbraio.

Mostra interattiva, ci metterà dalla parte della tela: sopra le nostre teste volteggerà il pennello agitato di Pollock e sotto gli occhi ispirati del pittore, saremo ricoperti di colori spessi e vivi (in modo virtuale, s’intende!). Grazie all’audioguida riusciremo a orientarci meglio nei percorsi e nei cuori degli artisti che hanno dato il via ad un’arte energica e forte, americana fino al midollo.

Unico neo? Costicchia: 11 €, audioguida inclusa. Sicuramente li vale e in più sono previste molte riduzioni – ad esempio gli abbonati annuali ATM pagano solo 5,50 €.

Lasciamoci travolgere dall’energia e dalla passione di chi ha rotto con la tradizione e ha cambiato il mondo dell’arte in America e nel mondo! In fondo, è a solo due passi dal Duomo.

20140121-140657.jpg