PoP MfW – il lato free della moda

Milano Fashion Week per molti è un business straordinario, con 131 collezioni da vedere e stlisti pronti a tutti per mettersi in mostra in più di 120 eventi in tutta la città.

20120920-184115.jpg
Per i comuni, ma, soprattutto, per le comuni mortali, si tratta in realtà di un’irripetibile occasione per rifarsi trucco e parrucco, mangiuggiare qualcosa e diventare famosi gratis e in poche ore.

Basta armarsi di scarpe comode, bags capienti e tanta pazienza.

20120920-184255.jpg
Forse un look più accurato e qualche parolona alla “Ma come ti vesti” potrebbero aiutare a sentirsi un po’ più in linea con l’ambiente e le aspettative, ma non vi preoccupate, anche se veniste vestite come nel giorno di bucato, vi tratterebbero benissimo comunque. Tutti pronti a spalmarvi su viso, capelli e fette di pane prodotti assolutamente “innovativi” e “bio” o “ecofriendly” (un must di stagione…).

Sicchè si parte da San Babila, sicure di tornare a casa più belle di come si è uscite.

La prima fermata è in piazza Liberty. In un grosso tendone, le agguerritissime donne di mezza Milano, di ogni età, religione e – sospetto – sesso, si stipano per cercare di vincere il concorso di Donna Moderna e diventare la nuova DivaMi.

20120920-184422.jpg
Poco più in là, dentro una palla in pure plastic vi attendono le stylist della Maybelline per farvi testare la nuova bb cream e gli imperdibili smaltini di stagione. Vi consiglio di farvi fare la manicure da loro e schizzare in piazza dei Mercanti, dove nello stand di B by Limoni (official make up della MFW) molte più ragazze vi aspettano smaniose di rifarvi il trucco. Durante la lunga attesa in coda vi potreste distrarre con le promoter sul tacco 15 che più passa il tempo più si decompongono, oppure con le sgnoccoline di Class Cnbc che lanciano i servizi sulla MFW dalla postazione lì accanto. Ogni tanto ricordatevi di sorridere che potreste apparire in tv.

20120920-184533.jpg

20120920-184629.jpg

20120920-185400.jpg
Sopravvisute alla sessione di trucco e agli sproloqui delle vostre truccatrici che, tra un’adulata e l’altra, tentano di rifilarvi qualche prodottino “assolutamente necessario” visto la vostra pelle e il colore dei vostri slip, ci si sposta di qualche passo e ci si rimette in coda per dare una sistemata alla zazzera ribelle con gli artisti di Testa Nera.

20120920-185130.jpg
A questo punto, stupende come modelle (nel loro giorno di bucato), vi consiglierei di fare dietro front e non proseguire oltre: i servizi free sono finiti.

20120920-184914.jpg
A meno che non vogliate gustarvi i bellissimi promoter Visa in boxer. Ce ne sono un po’ per tutti i gusti in via Dante, dal mingherlino che pure il vento se lo porta via, al muscoloso maschio alfa che fa tanto bene agli occhi e al cuore. Ma non fatevi distrarre: non vi daranno niente gratis, solo un volantini per farvi partecipate ad un concorso. Se invece amate l’uomo più raffinato, ecco il promoter in giacca e cravatta che con sorriso d’ordinanza e fare risoluto e gentile, in Cordusio vi porge leaflet informativi sui rischi dei cosmetici contraffatti.

In piazza Castello stanno allestendo uno stand, domani andrò a darci un’occhiata. Generalmente quell’area è adibita al free food&drink, speriamo lo sia anche in questa edizione: non sia mai che la MFW ci lasci morire di fame e di sete!

20120920-185250.jpg